Flussi 2015

01.05.2015 16:19

Flussi 2015, ecco le quote di ingresso e di conversione

   


Saranno a disposizione 5.500 nuovi ingressi e 12.350 conversioni di permessi di soggiorno - Parte sotto pochi riflettori il nuovo decreto flussi che dal 23 dicembre scorso permette di scaricare l'applicativo che permette di compilare la domanda on line. Il nuovo decreto flussi è naturalmente il sintomo più evidente della profonda crisi economica che sta investendo l'Europa e l'Italia in particolare. Saranno a disposizione un totale di 17.850 quote cosi di seguito distribuite: 
5.500 provenienti dall'Estero;
12.350 conversioni di permessi di soggiorno.
Delle quote che appartengono a quelle provenienti dall'estero, sono previsti 1.000 ingressi per i lavoratori stranieri che abbiano completato un programma di formazione ed istruzione nei Paesi d'origine, così come previsto dall'art. 23 del testo unico dell'immigrazione. Più nel dettaglio l'attività è finalizzata all'inserimento lavorativo mirato nei settori produttivi italiani che operano all'interno dello Stato, nei Paesi d'origine e allo sviluppo delle attività produttive o imprenditoriali autonome nei Paesi di origine.
Altri 2.400 sono lavoratori autonomi che intendono investire nel Paese Italia. Questi sono appartenenti alle seguenti categorie: "imprenditori di società" che svolgono attività di interesse per l'economia italiana che effettuano un investimento significativo in Italia, che sostiene o accresce i livelli di reddito; liberi professionisti esercenti professioni vigilate, oppure non regolamentate ma rappresentative a livello nazionale e comprese negli elenchi curati dalla Pubblica amministrazione; titolari di cariche di amministrazione o di controllo di società, di società non cooperative, espressamente previste dalla normativa vigente in materia di visti d'ingresso; artisti di chiara fama internazionale, o di alta qualificazione professionale, ingaggiati da enti pubblici oppure da enti privati; a queste categorie bisogna aggiungere anche gli imprenditori stranieri che vogliono costituire imprese denominate "starpup innovative". La differenza con le classiche nuove imprese riguarda essenzialmente il target; infatti è necessario che il business sia  fortemente legato all'innovazione e alla tecnologia.
Altri 100 ingressi riguardano i lavoratori stranieri di origine italiana, con almeno uno dei due genitori fino al terzo grado di ascendenza diretta, che siano residenti in Brasile, Uruguay, Argentina o Venezuela.
Infine gli ultimi 2.000 ingressi riguardano quei Paesi partecipanti all'EXPO Milano 2015 che sono stati già autorizzati nei mesi scorsi. (Vedi articolo Expo 2015, come posso entrare in Italia per lavorare?).
Per quanto riguarda le conversioni ecco quali sono i permessi convertibili in lavoro subordinato e le relative quote:
4.050 permessi di soggiorno per lavoro stagionale;
6.000 permessi di soggiorno per studio, tirocinio e/o formazione professionale;
1.000 permessi di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo rilasciati a cittadini di Paesi terzi da altro Stato membro dell'Unione Europea. 
Possono essere convertiti in permessi di soggiorno per lavoro autonomo:
1.050 permessi di soggiorno per studio, tirocinio e/o formazione professionale;
250 permessi di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo rilasciati a cittadini di Paesi terzi da altro Stato membro dell'Unione Europea.
Decreto Flussi  
https://www.facebook.com/ImmigratiDirittiDoveriIntegrazione https://www.facebook.com/immigratidirittiintegrazione